header-error

Come aumentare il valore del carrello medio del tuo e-commerce

Aumento-Valore-Carrello

Cosa fare per migliorare il valore del carrello medio di spesa del tuo E-Commerce? In che modo si può ridurre il tasso di abbandono del carrello e incrementare le vendite? Vari studi hanno dimostrato che circa i due terzi dei consumatori dello shopping online lasciano il carrello prima di completare un acquisto online. In questo articolo vedremo che cos'è il tasso di abbandono del carrello, quali sono le cause e quali strategie adottare per migliorare il “tasso di conversione” del tuo shop on line.

RIDURRE I CARRELLI ABBANDONATI PER AUMENTARE LE VENDITE E IL VALORE DEL CARRELLO

 

Come ridurre il tasso di abbandono del carrello?

Secondo un sondaggio del Baymard Institute, il tasso medio di abbandono dei carrelli nei siti CE è del 69,57%. In altre parole, meno di un terzo dei consumatori che procede al check-out sui siti e-commerce completa i propri ordini. D’altro canto, si è visto che in molti casi, il consumatore inserisce gli articoli nel carrello per verificare il prezzo totale e fare ricerche di acquisto e finisce spesso per abbandonare il carrello. Esiste un grande margine di miglioramento nelle vendite di uno shop on line focalizzando l’attenzione sulle cause del tasso di abbandono. Cosa si può fare dunque per ridurre il tasso di abbandono del carrello?

In primo luogo, abbandonare il carrello significa che il prodotto è ancora sul sito e-commerce, quindi all'interno del magazzino. Così com'è importante attrarre nuovi clienti che visitino il sito utilizzando appropriate strategie di marketing, è altrettanto importante calcolare il tasso di abbandono del carrello (Google analytics), capire come ridurlo e fare in modo di aumentarne il valore medio.

8 tips per ridurre il tasso di abbandono e aumentare il valore del carrello

1) Elimina i costi aggiuntivi

Il modo migliore per ridurre in modo significativo l’abbandono del carrello è quello di gestire i costi aggiuntivi per i consumatori, come servizio di spedizione, tasse e spese. Secondo il sondaggio di Baymard Institute sui prelievi del carrello, il 55% dei consumatori annullano l’acquisto del proprio carrello alla “cassa” a causa dei costi aggiuntivi. Ecco alcune idee per affrontare il problema dei costi aggiuntivi e ridurre il ritiro del carrello.

  • Dove possibile, spedizione gratuita. Se non è possibile farlo, ridurre al minimo il costo di spedizione.

  • Avvisare l'utente all'inizio della transazione che si verificheranno costi aggiuntivi.

  • A seconda del settore merceologico, la spedizione può essere inclusa nel prezzo del prodotto e proposta come "spedizione gratuita". Questo fa una grande differenza, considerando che il 73% dei consumatori afferma che la spedizione gratuita è importante quando decide se acquistare o meno.

Se vuoi altri consigli pratici per gestire i costi aggiuntivi dal tuo carrello. leggi "Anche i tuoi clienti abbandonano il carrello per costi extra?"

2) Crea un form di registrazione efficace

Sempre secondo uno studio del Baymard Institute, il secondo e il terzo motivo per lasciare il carrello sono, uno, costringere l’utente alla creazione obbligatoria di un account prima del check-out, e l’altro, la complessità di compilazione dei dati nel processo di check-out.

Questi due motivi rappresentano il 60% dell'abbandono del carrello. Per poter ridurre il ritiro del carrello è fondamentale controllare il numero di campi inseriti nel modulo e verificare siano davvero necessari. I campi non necessari nel modulo devono essere rimossi. Si pensi che riducendo il numero di campi a 4 o addirittura meno può aumentare il tasso di conversione del 160%

Leggi di più su come creare un form di registrazione che non fa scappare i clienti... 

3) Usa marchi di fiducia nei pagamenti

Accessi non autorizzati ai dati dei consumatori si verificano quasi ogni giorno e anche i marchi più blasonati non fanno eccezione.

Non sorprende che i tipici utenti di Internet siano cauti nel pubblicare i propri dettagli di pagamento su Internet. Indipendentemente da quanto desiderino acquistare un certo prodotto, molti consumatori finiscono per scartare i loro carrelli a causa delle preoccupazioni sulla rischiosità dei pagamenti. Circa il 17% dei consumatori abbandona il carrello per questo motivo (Baymard Insitute). Tuttavia, questo problema può essere risolto utilizzando sigilli e marchi di fiducia.
Scopri di più su come evitare l'abbandono del carrello per i metodi di pagamento...

4) Migliora la velocità e la funzionalità del sito

I siti lenti sono un altro dei motivi principali per cui molti finiscono per rinunciare ai carrelli. È stato riscontrato che il tasso di conversione scende fino al 7% con un ritardo di soli 0,5 secondi nel tempo di caricamento del sito. Aumentando la velocità di elaborazione del sito, è possibile aumentare il tasso di conversione. Ecco alcune opzioni efficaci:

  • Analizza la velocità del sito con Google Page Speed ​​Insights. Questo strumento non solo mostra la velocità del sito internet, ma fornisce anche un elenco di punti che devono essere corretti per rendere il sito più veloce.

  • Abilita la memorizzazione nella cache in modo che i visitatori del sito ottengano la migliore esperienza nelle ore di punta. Se ti rivolgi ai consumatori di tutto il mondo, utilizza una rete di distribuzione di contenuti (CDN) per ottimizzare il caricamento del sito e la consegna dei contenuti. Oltre a ottimizzare la velocità del sito, è importante ottimizzare la velocità della pagina di pagamento).

5) Crea una chiara politica di restituzione e rimborso

Uno dei motivi principali per cui i consumatori lasciano i loro carrelli è che non esiste una chiara politica di rimborso.

Se non disponi di una politica di restituzione e rimborso o se non la dichiari, dovrai aspettarti un tasso di abbandono del carrello più elevato. In effetti, secondo un sondaggio, l'80% dei consumatori afferma che non effettuerà acquisti su uno shop on line a meno che non sia dichiarata una semplice politica di restituzione e rimborso.

Scopri come trasformare i resi del tuo e-commerce in opportunità....

6) Attiva un sistema di tracciamento del carrello e la progress bar

Se non si utilizza un sistema di posta elettronica per il tracciamento dell'uscita del carrello, si rischia di perdere una percentuale di conversione. Da alcuni sondaggi sul tracciamento del carrello risulta che l’e-mail di follow-up sui carrelli in attesa sono aperte da circa il 45% dei consumatori. Di queste il 21% porta al clic mentre il 7% dei consumatori completa l'ordine. Se non si dispone di un sistema di tracciamento del carrello attraverso l’e-mail indirizzata ai consumatori che hanno lasciato il carrello, consigliamo di implementarlo.

È uno strumento utile non solo per mostrare all'utente quali sono le fasi del check-out ma anche visualizzare informazioni relative alla somma da spendere per ottenere le spese di spedizione gratuite o degli sconti speciali. Aggiungendo via via un pop up o un form di contatto, si evita che l’utente abbandoni il carrello perché non ha sufficienti informazioni sulla spedizione, i tempi di consegna o su alcune caratteristiche specifiche del prodotto.

Suggerimento, attiva la visualizzazione dei live trends data. Questi aggiungono un elemento di urgenza al processo di check-out, facilitando le conversioni. I live trends data, infatti, forniscono informazioni utili all'utente, facendo leva sull'esaurimento di un prodotto “resta solo un paio di scarpe disponibili” o sulla riprova sociale “altre 20 persone hanno visto questo volo, non perdere il tuo posto”.

7) Usa strategie di cross-selling, up-selling e budling

Vuoi migliorare le prestazioni del tuo E-Commerce? Usa le tecniche di vendita per dire ai clienti cosa comprare! Che si tratti di vendite tradizionali o di vendite online, utilizzando determinate strategie di vendita e attività di web marketing, si possono massimizzare la soddisfazione delle esigenze dei clienti e aumentare il valore medio del carrello di vendita del tuo e-commerce. In altre parole, oltre ad acquisire più utenti (Inbound Marketing), si possono anche migliorare le vendite osservando il comportamento di acquisto dei singoli utenti. L'up-selling,il cross-selling e il bundling sono strategie importanti per aumentare il valore medio degli ordini del carrello di un utente.

Con up-selling si intende consente ai consumatori di spendere più denaro per acquistare una versione più costosa di un prodotto o per acquistare un prodotto che aggiunge funzionalità o garanzia.

Si parla di cross selling invece quando si invogliano i consumatori a spendere più denaro per acquistare prodotti diversi da quelli che vengono visualizzati e acquistati. Cioè vendere al cliente cose extra per migliorare il valore dell'acquisto originale.

Il bundling, ovvero la vendita a pacchetto, è una forma di marketing che si riferisce al processo di vendita di due o più prodotti offerti nello stesso “pacchetto” a un prezzo conveniente. I prodotti in questione possono essere complementari o appartenere a categorie merceologiche completamente diverse.

9) Studia una strategia di web marketing

Se vuoi spingere le vendite del tuo negozio online, impara a raccontare i tuoi prodotti. Nelle schede prodotto inserisci informazioni utili per il cliente, non solo un'impersonale descrizione degli articoli.

Crea un piano editoriale, dove stabilisci la tipologia di comunicazione con i tuoi clienti, attraverso il blog e  social network., Considera di pianificare una campagna di email marketing. Ti sarà utile per fare in modo che i tuoi clienti abbiano notizie costanti sui nuovi prodotti o promozioni. 

E se intendi creare una vera e propria strategia di inbound marketing, affidati alla marketing automation....

Quelle condivise in questo articolo sono solo alcune delle tecniche di vendita più comuni. A seconda delle caratteristiche del prodotto fornito ogni brand è diverso, ma per ciascuno esiste il miglior mix di vendite. Utilizzare e ottimizzare queste strategie consente al brand di puntare all'aumento di valore del carrello lasciando al consumatore la sensazione di aver goduto di un privilegio. Quindi prendere in considerazione il miglioramento delle prestazioni del tuo E-Commerce è certamente il primo passo. Vuoi conoscere la strategia migliore per il tuo shop on line? 

Parla con noi