You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Piano marketing operativo ecommerce

Piano marketing operativo ecommerce

In cosa consiste il piano marketing operativo ecommerce?

Quando si fa questo documento importante per la propria strategia di vendita? 

Scopri in cosa consiste e quali voci inserire al suo interno!

Una strategia ecommerce richiede un documento riepilogativo dettagliato distribuito nel tempo, il piano marketing operativo ecommerce.

Basato sulla pianificazione strategica per consentire all'ufficio marketing di poter operare secondo delle attività schedulate e pianificate nel tempo, la stesura del piano marketing operativo ecommerce su calendario permette di dare delle tempistiche di realizzazione che offrono un quadro completo degli investimenti che sarà necessario fare.

All’interno della strategia di un ecommerce è molto importante che ci sia questo documento perchè di fatto rappresenta un prontuario sulle mosse che come azienda dovrai fare per lanciare il tuo store online.

🎯Come si imposta una Strategia Ecommerce? Ne parliamo qui

Il piano marketing operativo ecommerce coinvolge tutta una serie di analisi non solo di costi ma anche di interventi operativi da seguire nel tempo, vediamo quali.

 

Tipologie di costi del piano operativo ecommerce.

All’interno del piano marketing operativo ecommerce ci sono una serie di valutazioni economiche che hanno a che fare con i costi che come azienda andrai a sostenere con il tuo store online.

Vendere online non è mai a costo zero e richiede investimenti diversi a seconda del progetto ma tutte le voci di costo vanno comunque inserite nel piano operativo. 

Ci sono due macrocategorie di costi:

  • Costi one-shot (una volta e poi basta).

Tra i costi iniziali one shot rientra il costo della realizzazione dell’ecommerce, che comprende l’intervento dei professionisti che se ne occupano (Web Graphic Designer e Sviluppatore) e il costo della piattaforma e dei moduli legati al tuo progetto.

  • Costi periodici (che si ripetono nel tempo).

Oltre ai costi one shot ci saranno degli investimenti continuativi che devi inevitabilmente considerare. 

Questi comprendono i costi tecnici di mantenimento dello store (come dominio e spazio sul server) e costi di promozione dello store online (quindi gli investimenti online in campagne, ma anche in gestioni di pagine social, blog aziendale e/o assistenza tecnica).

Una parte del piano operativo di marketing prevede infatti l’adozione di canali esterni che a fronte di un budget hanno lo scopo di:

  • procurare un traffico,

  • dare visibilità al brand.

Uno dei passaggi del piano di marketing sarà dunque stabilire la corretta allocazione del budget tra i diversi canali-strumenti di marketing nel tempo.

 

Programma trimestrale di obiettivi di marketing.

Un progetto richiede delle tempistiche e nel caso di un ecommerce queste devono essere il più precise possibile. Devi importi degli obiettivi nel breve e nel lungo termine che dovranno essere raggiunti con le attività che hai pianificato in precedenza, obiettivi realistici ma anche ambiziosi. 

Lo schema da seguire è quello di un programma trimestrale di obiettivi di marketing: diviso in 4 quarter, questo programma deve contenere gli obiettivi più generici che vuoi raggiungere con il tuo ecommerce. Devi ragionarli lungo l’anno, così da avere un quadro preciso, seppur generico, della direzione che il tuo store online intende seguire.

Si struttura quindi una lista, che viene perfezionata sempre di più, di attività che consentono il raggiungimento degli obiettivi e dei KPI definiti in fase di business plan e nel piano marketing strategico ecommerce.


 

Programma mensile di obiettivi.

Fatta la pianificazione trimestrale devi quindi procedere con un programma mensile di micro obiettivi dandoti quindi dei tempi precisi alla messa in pratica della tua strategia. Solo se sarai in grado di attribuire una scadenza ad ogni obiettivo potrai ragionare poi sul trimestre, sul semestre e sull’anno. 

Ogni mese infatti dovrai analizzare dove ti trovi rispetto al raggiungimento degli obiettivi, così da capire se riesci a rispettare la timeline prevista, che coinvolge tanto la fase di lancio tanto quella successiva di fidelizzazione.

La timeline permette anche di definire a monte per quanto tempo dovrai investire e su quali attività, così da avere anche un piano economico preciso.

Non c’è pianificazione senza timeline e il successo di uno store online si misura proprio dalla capacità dell’azienda di rispettare quei tempi previsti o addirittura anticiparli.

 

Calendari del piano operativo.

Fatta un’attenta pianificazione operativa delle attività, si procede con una serie di calendari delle attività previste.

Si parte dal calendario dei contenuti editoriali organici che si intende pubblicare. Facciamo riferimento ai post sugli account social, agli articoli sul blog aziendale, alle interviste da rilasciare su portali esterni per portare traffico internamente e così via.

Segue il calendario delle campagne di adv, che consentono di capire quanto investire, dove e come, su quali canali e per quali contenuti. È importantissimo farlo in modo pianificato per evitare di disperdere budget e ottimizzarlo nel corso dei mesi, prevedendo a/b test se necessario

Allo stesso modo è importante definire il calendario delle campagne dem (quindi le attività a pagamento sui database esterni) e le automazioni come le classiche newsletter (ma non solo, anche tutte quelle attività di e-mail marketing come il recupero carrello).

Non dimentichiamo infine il piano di ottimizzazione per migliorare il Conversion Rate sempre di più nel tempo e la stesura della struttura RFM per la fidelizzazione clienti.

New call-to-action

Lascia tu il primo commento al nostro articolo