You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Email per recupero carrello

email per recupero carrello

Hai impostato le email per recupero carrello nel tuo ecommerce?

Stai tentando di convertire coloro che hanno dimostrato interesse ma non hanno comprato?

Il 70% dei carrelli viene abbandonato: immagina quanti acquisti potresti recuperare se solo provassi a farlo. In questo articolo trovi qualche strategia utile per trasformare un interesse in acquisto!

 

Guarda e/o ascolta il nostro Blog Post

 

Inviare email per recupero carrello in un ecommerce è obbligatorio se vuoi ottimizzare gli sforzi fatti per il tuo ecommerce.

L'e-mail rimane lo strumento più performante per tentare di recuperare i carrelli abbandonati, cioè quei carrelli del tuo e-commerce dove gli utenti hanno aggiunto dei prodotti senza però acquistarli. 

È dimostrato che circa il 70% dei carrelli di ogni e-commerce viene abbandonato dai clienti in navigazione: fortunatamente è anche accertato che le email per recupero carrello di promemoria tra le tipologie e-mail ecommerce hanno un’efficacia incredibile nel riportare i clienti sul sito per guidarli verso la finalizzazione del loro acquisto.

🎯Clicca qui se vuoi prima leggere: E-mail marketing per e-commerce

Gli utenti che aggiungono prodotti in carrello ma non acquistano, dovrebbero essere inseriti in una lista apposita del CRM ma dovresti personalizzare il più possibile i messaggi a loro rivolti. Le email ti permettono di definire dei percorsi specifici per ogni customer journey automaticamente. In modo altrettanto automatico cominciano poi le conversioni.

Acquisto non finalizzato: ricordalo ai clienti.

Ricordare ai tuoi utenti cosa hanno dimenticato nel carrello dovrebbe rientrare sempre tra gli automatismi da impostare al pari delle promozioni del compleanno o dei saldi estivi. Per questo devi recuperare i dati dei prodotti inseriti a carrello, facendo agli utenti una panoramica di cosa hanno dimenticato (nome prodotto, immagine, prezzo) tentando di incrociare le motivazioni che li hanno spinti ad agire in questo modo.

Questi reminder possono essere fatti anche più volte e anzi è necessario farlo, per avere più probabilità di conversione, prestando attenzione a non insistere troppo, ovviamente, per non risultare asfissianti. A patto che, nel momento in cui l’utente converte in seguito acquistando i prodotti abbandonati, questo venga “cancellato” dal thread di email di recupero, ci devono quindi essere in media 4 invii.

Se insisti oltre, infatti, aumenta l’insoddisfazione dei destinatari dei messaggi che cominciano a stufarsi dei continui e ripetuti tentativi di farli spendere.

Come detto, la giusta via sta nel mezzo, per cui considera una media di 4 e-mail da inviare dal momento dell’abbandono del carrello, che possiamo così riassumere.

  • Prima e-mail: dopo un’ora e non oltre 4 ore offri aiuto nella risoluzione del problema applicando una strategia precisa e non dimenticarti di inserire le modalità di contatto per il supporto. Le statistiche dimostrano che proprio questo primo messaggio è quello che raggiunge i risultati migliori.
  • Secondo e terzo messaggio: il giorno dopo e 3 giorni dopo prevedi di inviare una seconda e una terza comunicazione che punti sui vantaggi di concludere l’ordine. Puoi offrire un'offerta speciale a tempo limitato, garantire la spedizione gratuita o fare un regalo alla consegna dei prodotti.
  • Quarto messaggio: offri un’ultima possibilità all’utente di diventare un cliente fidelizzato puntando sulla sensazione di urgenza e sul fatto che i prodotti saranno disponibili ancora per poco.

Messaggio personalizzato per il recupero carrello.

A prescindere dal contenuto in sè che si intende spingere per tentare di convincere l’utente a finalizzare un acquisto, bisogna pensare ad un messaggio ingaggiante e personalizzato per spingerlo a completare l’acquisto. Ogni utente è diverso, così come sono diverse le motivazioni che lo hanno portato ad abbandonare il carrello e certamente non puoi sapere con precisione le cause di ogni singolo abbandono.

Tuttavia devi cercare di personalizzare il messaggio automatico che manderai per il recupero del carrello quanto più profondamente possibile. Questo include una contestualizzazione del prodotto

Negli automatismi ad esempio:

  • a chi ha inserito in carrello un prodotto di una categoria specifica puoi suggerire un altro prodotto della stessa categoria ma di valore superiore dando un suggerimento di acquisto (call to action su upselling).
  • a chi ha inserito in carrello un prodotto di una categoria specifica puoi suggerire un altro prodotto ad esso accessorio per completare lo shopping (call to action su cross-selling).
  • a chi ha inserito in carrello più prodotti della stessa categoria puoi chiedere se ha bisogno di una mano a capire quale modello è il più adatto (call to action a prendere contatto con te).

Potendo poi contare sullo storico del cliente, puoi personalizzare una email automatica con un breve recap degli ultimi acquisti per sottolineare la relazione che ha con il tuo brand (puoi quindi chiedere una rinnovata fiducia).

Non dimentichiamo poi le recensioni prodotti: inserirli in una email di recupero carrello relativamente ai prodotti che l’utente ha dimenticato offre delle motivazioni in più a procedere senza intoppi.

Promozioni per recupero carrello.

Una delle strategie più usate quando si tenta di recuperare un carrello abbandonato è quello di offrire delle promozioni o degli sconti estemporanei per convincere l’utente ad acquistare in quel momento. Non è detto che il motivo dell’abbandono sia legato al prezzo, ma certamente nessuno disdegna una opportunità di risparmio in più.

L’unico rischio è quello di svalutare i tuoi prodotti o dare l’impressione (sbagliata) che tu ritenga il tuo cliente interessato solo ad una valutazione economica. Questo non vuol dire non usare la leva della promozione ma di farlo con intelligenza.

Per questo motivo una strategia vincente potrebbe essere quella di riservare uno sconto speciale nella terza e quarta mail di remind. I motivi?

  • Il cliente potrebbe convertire nelle prime due senza il bisogno di fargli pagare meno il prodotto (e guadagnarci di meno).
  • Lo sconto viene usato come concessione straordinaria che sei disposto a fare per il tuo utente perchè possa acquistare il prodotto che gli interessa.
  • Incroci sia coloro che hanno abbandonato per motivi non legati al prezzo (quindi che è più probabile tu converta nelle prime due email) sia coloro che ritenevano il tuo prodotto troppo caro (quindi che apprezzeranno la mail 3).

La promozione può avere forme diverse: 

  • uno sconto in percentuale o con cifra fissa che viene inserito automaticamente se l’utente clicca sulla call to action della mail di recupero.
  • un codice sconto che l’utente deve inserire a mano nel carrello una volta ritornato sul tuo ecommerce.

Inoltre non dimentichiamo che potresti offrire più genericamente dei vantaggi, come le spese o il reso gratuiti o ancora un regalo speciale (fisico durante la consegna o virtuale come un ebook dopo il pagamento).

Consigli di acquisto nella mail di recupero carrello.

Come abbiamo visto, una possibilità di recuperare un carrello abbandonato è data dai suggerimenti di acquisto. Nella email di recupero carrello è utile associare dei consigli di acquisto puntando al fatto che probabilmente quelli non erano i prodotti che l’utente stava cercando. Questa strategia ha un duplice vantaggio:

  • può riaccendere l’interesse dell’utente che si trova a scoprire dei prodotti che non aveva considerato o visto.
  • dimostra che non stai tentando solo di far spendere il tuo utente ma che stai facendo customer care supportandolo nella sua ricerca perchè sia soddisfatto.

Moltissimo, in questo caso, fa la tua capacità comunicativa ed empatica. Il messaggio non può essere un banale “Stavi forse cercando questo?” ma devi riuscire a stuzzicare l‘interesse dell’utente nel modo più creativo possibile. Qualche esempio?

  • Lo sappiamo, scegliere è difficile. Ma per fortuna sul nostro sito ci sono tanti prodotti che possono fare al caso tuo. [PRODOTTO X] non ti convince? Dai un’occhiata a queste alternative:
  • Ehi, aspetta, non ti dimenticare di [PRODOTTO X]! Ti sta aspettando nel carrello. E se proprio non fa per te, questi altri prodotti prenderebbero volentieri il suo posto:
  • Non è colpa di [PRODOTTO X] se non è perfetto per te, ma siamo sicuri che potrai trovare tante altre alternative sul nostro sito. Eccone alcune: 

I consigli d’acquisto vanno a braccetto con le recensioni, sia sul prodotto dimenticato che sulle alternative. Immagina che nella email l’utente possa leggere le recensioni di altri che hanno acquistato il prodotto di cui è indeciso, così da capire se effettivamente merita di essere scartato. Poi che possa vedere anche quelle dei prodotti suggeriti: se dovrà scegliere un’alternativa, questo lo aiuterà nella scelta.

Inizia a vendere online

Lascia tu il primo commento al nostro articolo