You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Aprire un negozio online gratis conviene?

aprire un negozio online gratis conviene

Vuoi aprire un e-commerce gratis?
Stai cercando di capire se conviene un e-commerce gratis e se fa al caso tuo?
Ci sono delle casistiche in cui aprire un negozio online gratis può essere utile, ma devi prevedere comunque di fare un investimento qualora il tuo store online funzionasse. Scopri in questo articolo come e perchè avviare un e-commerce gratis.

Avviare un e-commerce gratis

Aprire un e-commerce oggi si può fare anche gratuitamente. Ci sono infatti delle piattaforme come Prestashop che in maniera gratuita ti danno la possibilità di avviare uno store, seppure con funzionalità limitate nella versione gratis, in pochi clic. Scegli tra uno dei template disponibili, inserisci i prodotti in catalogo, predisponi le modalità di pagamento e spedizioni ed il gioco è fatto.

I vincoli di un e-commerce gratis però ci sono e sono essenzialmente 3:

  • funzionalità limitate (come le azioni di marketing automation)
  • grafica limitata ai template disponibili dalla piattaforma
  • lingua (l’interfaccia potrebbe essere solo in inglese)

Se hai un’idea che vuoi esplorare, per capire quindi se genera effettivamente interesse, questa può rappresentare la strada corretta. Tuttavia, se gli ordini dovessero effettivamente arrivare, allora dovrai mettere in conto di investire su uno store con funzionalità più evolute e un e-commerce su hosting più performante.

🎯Clicca qui se vuoi prima leggere: Come aprire un negozio online

Parallelamente puoi utilizzare i social network negli account Business, con lo stesso obiettivo: capire che tipo di target attrai e quali prodotti vanno per la maggiore.

Aprire Negozio Online

Perchè aprire un e-commerce online

Un e-commerce apre le porte a una serie di opportunità di business infinite. Nel 2019 in Italia, secondo i dati dell’Osservatorio e-commerce, il settore delle vendite online è aumentato del 15%. Inoltre, secondo Statista, entro il 2022 le entrate mondiali arriveranno a circa 6,25 trilioni di dollari. Sono dati destinati a crescere, dal momento che gli acquisti sono sempre più online e mobile.

Aprire un e-commerce offre diversi vantaggi, tanto per una PMI quanto per un professionista:

  • puoi raggiungere il tuo target e individuarne di nuovi: dall'analisi del traffico, degli ordini e del Life Time Value di chi acquista sul tuo store, puoi capire molto del tuo target di clientela. Potresti scoprire delle nicchie il cui valore degli acquisti determina delle entrate maggiori e concentrarti su determinati prodotti che offline, in negozio, non attiravano lo stesso interesse;
  • apertura h24: uno store online apre le porte all’acquisto ben oltre di un negozio fisico. Gli utenti possono acquistare in qualsiasi momento, per cui puoi aumentare esponenzialmente le entrate approfittando di questo vantaggio reso possibile solo con il web;
  • presenza senza limiti territoriali: l’apertura di un ecommerce può aiutare a migliorare gli affari, permettendo ai potenziali acquirenti di acquistare i prodotti disponibili ovunque si trovino, evitando di spostarsi fino ad un punto fisico. Per loro questo è un vantaggio irresistibile (ma tu devi prepararti a offrire un servizio di spedizione adeguato).

Questo non significa che oggi devi per forza chiudere il negozio e gestire solo un e-commerce. Sono due lati della stessa medaglia. Tuttavia, anzichè espandere una rete di negozi fisici (che è costoso) puoi pensare di investire su un negozio online per raggiungere tutta l’Italia e anche paesi esteri. Se non hai budget, puoi aprire un e-commerce gratis all’inizio e monitorare come va nel tempo.

Aprire Negozio Online

Quali competenze servono per aprire un negozio online

Se decidi di affidarti, almeno all’inizio, a piattaforme che ti consentono di aprire un negozio online gratis, non è necessario che tu sia un grafico o uno sviluppatore. Questi portali infatti, grazie ad interfacce relativamente semplici, ti permettono di creare uno store online in pochi passaggi, spesso in modalità drag&drop (ovvero basta che trascini gli elementi che vuoi si vedano in ogni pagina).

Tuttavia un minimo di competenze di base per vendere online servono per mettere in pratica una strategia che funzioni. Dalla tua, hai a disposizione la conoscenza del tuo business: se hai sempre avuto un negozio conosci la tua clientela, sai quali sono i prezzi di vendita e quali attività di marketing solitamente funzionano meglio. Certamente però online alcune logiche dell'offline non funzionano altrettanto bene e potresti scoprire nuove modalità di vendita più redditizie. Quindi ci vuole proattività, curiosità e multi-disciplinarietà per avviare un progetto di vendita online.

Per quanto riguarda le competenze tecniche per avviare un e-commerce gratis online, dovresti sapere che:

  • un negozio si basa su un CMS, la piattaforma cioè con cui di fatto costruisci il tuo store (Prestashop o Wordpress, ad esempio);
  • la gestione corretta di uno store online passa da un CRM, un software che traccia tutto ciò che accade sul tuo e-commerce. Ce ne sono alcuni gratuiti, moltissimi CRM commerciali hanno anche una versione "free";
  • il successo di un e-commerce va misurato con i dati, quindi devi saper leggere le informazioni che puoi recuperare dal traffico sul sito, tramite ad esempio Google Analytics. Devi sapere cosa vuol dire e come leggere un tempo medio di permanenza su una pagina, la percentuale di abbandono, i tassi di conversione, le fonti del traffico e così via;
  • con gli automatismi recuperi e “coltivi” i tuoi clienti, ovvero puoi impostare delle azioni dalla tua piattaforma per recuperare dei carrelli abbandonati o delle visite che non si sono convertite in acquisti;
  • le tue pagine devono essere viste dai motori di ricerca, quindi devi sapere come impostare le parole chiave di ogni pagina, i tag per la SEO (title e description).

Aprire negozio gratis: solo per testare il mercato

Anche se un progetto di vendita online richiede degli investimenti, puoi comunque provare ad aprire un negozio online gratis con l’obiettivo di sondare il territorio. Se la tua idea è ancora solo all’inizio e hai dei dati parziali sul reale interesse nei confronti dei tuoi prodotti, puoi usare uno store online realizzato con una piattaforma gratuita per capire se c’è domanda. Se quindi noti che le vendite ci sono e quali prodotti attraggono maggiore interesse puoi usare queste informazioni per un business plan più accurato volto a investire un budget su un e-commerce più professionale.

Con un e-commerce gratis infatti potresti non solo reperire informazioni sul target e sul prodotto, ma anche dati che possono servirti per realizzare uno store più evoluto. Ad esempio puoi avere informazioni su:

  • modalità di pagamento e spedizioni maggiormente richieste
  • alternative e modelli che ti chiedono gli utenti e che non trovano online
  • traffico mobile più che desktop per migliorare in futuro lo store (più responsive)

In pratica, il negozio online gratuito diventa un test per il mercato. Se non puoi avvalerti di analisi professionali, questo rappresenta uno strumento importante per reperire informazioni preziose sul successo della tua idea di business.

Vendere sui social conviene

Parallelamente o in alternativa ad un e-commerce gratis, puoi vendere sui social per verificare l’interesse da parte dei consumatori per i tuoi prodotti. Infatti oltre 200 milioni degli utenti di Instagram visitano ogni giorno almeno un profilo aziendale mentre solo su Facebook ci sono 1,47 miliardi di utenti quotidianamente attivi.

Su Facebook il Social Buy Button è un'azione diretta tramite cui l'utente acquista tramite la piattaforma senza andare su altri siti. Facebook gestisce tutto, incluso il checkout. Il bottone si trova nei post e nelle Ads e per procedere all'acquisto l’utente deve inserire i dati della propria carta (una volta sola, in seguito per ulteriori acquisti l'informazione viene memorizzata). Per vendere su questo social, devi aprire una Pagina, che puoi configurare in una categoria di negozio e personalizzare nelle informazioni e immagini. La cosa importante è che tu inserisca "Aggiungi pulsante", una call to action che il tuo cliente vedrà appena entra nella tua pagina sotto l’immagine di copertina a destra.

In modo analogo, puoi vendere anche su Instagram con un profilo business, che può essere sincronizzato con la pagina Facebook aziendale. Instagram Shopping è la funzione che consente alle imprese di vendere i propri prodotti inserendo tag nei post e nelle stories, veicolando il traffico verso la pagina di vendita. Per farlo bisogna avere un catalogo di prodotti su Facebook, dopodiché basta collegare i due profili business e attivare la funzionalità shopping.

Conclusioni

Oggi è possibile avviare un e-commerce gratis grazie a diverse piattaforme che consentono in pochi clic di avere uno proprio store online. Usare questa soluzione consente ad un’azienda o a un professionista di testare il mercato per capire se c’è domanda relativamente ai propri prodotti, scoprire quali sono quelli più richiesti e se ci sono dei target di nicchia che più di altro appaiono interessati. Parallelamente è possibile avere un account aziendale sui social network e misurare il traffico generato da Facebook o Instagram per tarare un possibile investimento futuro in un negozio online professionale.

Inizia a vendere online

Lascia tu il primo commento al nostro articolo