You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Squeeze page per generare lead

squeeze page per generare lead

Vuoi aumentare i tuoi clienti con la lead generation?
Vorresti avere più contatti con una landing page efficace e ad alto tasso di conversione?
Vuoi aumentare le vendite, creare una relazione con i visitatori e aumentare in maniera costante le visite al tuo sito/blog?
Allora quello che ti serve è una Squeeze page per generare lead. Si tratta di una pagina di atterraggio diversa dalla normale landing page e che ha come scopo la raccolta di contatti che poi puoi utilizzare con comunicazioni successive per spingere un prodotto o un servizio. Ecco come impostarne una e quali elementi inserire al suo interno.

Usare la Squeeze page per generare lead da convertire

Se stai cercando un modo per raccogliere contatti e non spingere immediatamente una vendita, devi impostare un percorso di lead generation che parta da una pagina. La landing page è una pagina che generalmente non raccoglie solo contatti ma spinge ad un’azione più immediata come una vendita (tramite un codice sconto, normalmente). La Squeeze page è invece la soluzione giusta per fare database building, ovvero per incrementare i contatti da inserire in una lista dedicata.

Gli utenti che puoi raggiungere a partire da una Squeeze page sono contatti verso i quali devi mettere in conto di fare lead nurturing, ovvero raggiungere con comunicazioni successive in linea e coerentemente con il motivo di partenza che li ha portati a lasciare il proprio indirizzo e-mail.

Se quindi in una pagina veicoli un contenuto video, un corso o un webinar su uno specifico argomento, le e-mail successive che invierai a questi contatti devono essere contestualizzate allo stesso argomento.

Clicca qui se vuoi prima leggere: Lead Generation tutto quello che serve

Per fare un esempio: se realizzi una Squeeze page per proporre un video di spiegazione sui 3 elementi di successo per una strategia social per ristoranti, le e-mail successive che invierai a questi utenti dovranno parlare di social media marketing, di investimenti in Ads e di calendario editoriale (ovviamente sempre contestualizzando il messaggio al mondo dei ristoratori).

È importante che tu mantenga questa coerenza perchè il target che hai raggiunto in questo caso è mosso da un interesse specifico: professionisti della ristorazione che hanno trovato utile scaricare un approfondimento su come usare i social media.

New call-to-action

Differenza tra Landing page e Squeeze page

Sia la landing page che la Squeeze page sono pagine di atterraggio, ovvero singole pagine con navigazione interna e non esterna con un obiettivo preciso, quello di convertire, ma in modo diverso. Infatti l’obiettivo della Landing page è quello di convertire un visitatore in un cliente vendendo un prodotto o un servizio (tramite un lead magnet che però richiama di solito ad un'azione immediatamente successiva come l'utilizzo di un codice sconto inviato per e-mail). L’obiettivo della Squeeze page è invece quello di convertire il visitatore che non ti conosce in un contatto del tuo database.

La Landing Page è studiata appositamente per convincere l'utente a compiere un'azione (tipicamente compilare un form o addirittura procedere ad un acquisto). Anche la Squeeze page ha il compito di persuadere a compiere un'azione ma una soltanto: raccogliere gli indirizzi email (o altri dati) dei tuoi visitatori.

Se quindi in una landing page tendenzialmente cerchi di vendere qualcosa (o almeno viene percepito questo) con la Squeeze page il tuo unico obiettivo è di raccogliere le email.

Altre differenze riguardano la lunghezza, in quanto la Landing page solitamente presenta più testo, perchè intercetta un target che probabilmente si sta ancora informando sul prodotto e non è ancora pronto all’acquisto.

La Squeeze page invece è destinata ad utenti che si trovano nella fase in cui sono già convinti di fare un'azione. Quindi, se sui social sei già attivo da un po’, se il tuo prodotto o servizio cavalca un’onda mediatica o se stai già investendo altrove, la Squeeze page è un valido canale di supporto per convertire.

Il lead magnet nella Squeeze page

L’obiettivo di una Squeeze page è registrare un contatto, senza anticipare nulla ma attirando l’attenzione a tal punto da raggiungerlo. Come rendere di appeal una pagina di atterraggio di questo tipo? Con un lead magnet! Il “regalo” che tu offri al tuo utente in cambio del suo prezioso indirizzo email. Questo può essere, ad esempio:


  • un documento
  • un video
  • un corso
  • un ebook

Solitamente nella Squeeze page non prometti un intero corso di formazione, un video di diverse ore o un documento completo di approfondimento, ma solo un abstract (il primo capitolo o il primo video di un corso a pagamento, ad esempio). Il motivo è dato dal fatto che il tuo obiettivo è quello di avere dei contatti utili da usare dopo.

Di conseguenza la struttura di questa pagina, nella grafica e nei contenuti, deve rendere irresistibile il tuo regalo: i vantaggi devono essere subito chiari e l’occasione deve essere presentata come unica.

A prescindere dal tipo di lead magnet che decidi di regalare in cambio del contatto, ricordati che deve essere gratuito, legato in qualche modo alla tua offerta principale, specifico e fruibile in poco tempo.

Per fare un esempio: se sei un parrucchiere e intendi raccogliere contatti utili da coltivare per portare le persone in salone, offri una guida breve e gratuita sulla scelta del colore di capelli sulla base della carnagione. A queste stesse persone potrai in seguito proporre una promozione sulla tinta per capelli tramite coupon da presentare in salone.

I contenuti di una Squeeze page

Una Squeeze page ha un solo obiettivo: portare le persone a lasciare i propri dati. È uno sforzo non da poco, perchè le persone sono sempre più restie a lasciare i propri dati di contatto, consapevoli del fatto che questo aprirà le porta a una serie di e-mail promozionali. Per questo motivo, i contenuti di una pagina di questo tipo devono essere attraenti. Come farlo?


  • Usa un titolo basato sui benefici: il titolo è l'elemento che viene letto per primo ed è la principale causa di abbandono della pagina. Di conseguenza deve essere efficace, senza puntare per forza sulla gratuità ma sui risultati che il tuo prodotto o servizio contribuisce a raggiungere.
  • Dai maggiori informazioni nel sottotitolo: è difficile dare tutte le informazioni con un titolo breve, a tale scopo interviene il sottotitolo.
  • Usa una chiara call to action: il bottone che richiama all'azione deve indicare la strada all'utente per ottenere i benefici, ma vai oltre il classico “scarica ora” e inserisci direttamente nel bottone il vantaggio (Trova ora il colore giusto per te).
  • Form di contatto breve ma tattico: quanti più campi inserisci in un form di contatto, tanto più prezioso dovrà essere il lead magnet che prometti. Se saranno solo 1 o 2, aumenteranno le probabilità di registrare conversioni. Inserisci questo form nella parte della pagina Above the fold, ovvero tra i primi elementi ma dai la possibilità di raggiungerlo con il bottone in più punti della pagina.

Ci sono poi degli elementi che contribuiscono ad un aumento della compilazione del form di contatto, perchè sono funzionali a convincere meglio il target. Tra questi ci sono:


  • Video e immagini di approfondimento: un video è più ingaggiante di una foto di repertorio, così come un grafico o un'immagine schematica che illustra un processo.
  • Testimonial: il passaparola è ancora uno strumento potente di branding, soprattutto se vuoi raggiungere nuovi contatti che conoscono poco il tuo brand. Se leggono le recensioni di veri clienti, che puoi mostrare in un blocco con nome e frase, sono più invogliati a darti credibilità.
  • Scarsità dell'offerta: limitare l'offerta in questione con una chiara scadenza aumenta le conversione perchè il principio della scarsità rende più immediato il senso dell’esclusività di quel contenuto.

Conclusioni

La Squeeze page è una pagina raccogli contatti, nel vero senso del termine, una pagina di contatto per portare lead nel tuo database da usare in seguire per comunicare altri messaggi.

Non è una Landing page, perchè è destinata ad un target che ha già ricevuto dei validi motivi per atterrarvi e che in questa pagina trova la motivazione finale e definitiva per affidarsi al tuo brand.

I lead magnet sono usati anche in questo caso, perchè le persone devono avere un incentivo in più per lasciare i propri dati: ricordati però come li hai raccolti, per impostare una serie di automatismi successivi che siano coerenti con la fonte del dato.

Inizia a vendere online

 

Lascia tu il primo commento al nostro articolo