You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Smoke test per ecommerce

Smoke test per ecommerce

Conosci lo smoke test?

Sai perchè è importante in fase di validazione dell’idea di business?

Lo smoke test è uno dei metodi migliori per validare un’idea innovativa e basta una semplice landing page da inserire nella strategia marketing per ecommerce per attrarre, validare e fidelizzare. Ecco di cosa si tratta!

Lo smoke test serve per assicurarti che il tuo prodotto o il tuo servizio è ciò che i tuoi futuri clienti stanno realmente cercando.

Lo smoke test viene usato per validare un’idea testandola e valutandone la sua efficacia attraverso un primo test, solitamente molto basico, composto da una landing page in cui mostri il tuo prodotto o servizio. Per fare questo si fa credere ad un potenziale lead che il prodotto sia già disponibile sul mercato per verificare il suo reale interesse.

🎯Clicca qui se prima vuoi leggere: Validare un'idea di business

Perchè questo test funzioni è importante definire preventivamente gli obiettivi che si vogliono raggiungere tramite delle metriche precise. Ovviamente perché il test abbia un senso è importante tracciare e monitorare ciò che avviene sulla pagina con particolare attenzione a due aspetti:

  • il traffico generato, basterà Google Analytics.
  • il comportamento degli utenti, tramite tool come Hotjar.

Lo smoke test è uno dei metodi migliori per validare un’idea innovativa e basta una semplice landing page per attrarre, validare e fidelizzare.

A cosa serve lo smoke test?

Hai avuto un'idea di business? Credi sia interessante per i futuri consumatori?

Allora chiedilo a loro!

Se pensi di avere un’idea interessante, è fondamentale cercare di prevederne il successo testandola direttamente su coloro che potrebbero esserne i clienti. Devi recepire il comportamento del mercato per decidere solo in seguito se concretizzare la tua idea, pivottare o abbondare l’idea stessa.

Lo smoke test serve in pratica a valutare l’efficacia della tua idea prima di immetterla nel mercato sottoforma di prodotto o servizio. Rientra a tutti gli effetti nella fase di validazione dell’idea di business. L’obiettivo dello smoke test è scoprire se il lead è realmente interessato al prodotto o servizio che vorresti sviluppare facendogli credere che sia già disponibile sul mercato.

Lo smoke test è possibile farlo con una versione ridotta di ecommerce o addirittura una landing page in cui proponi il tuo prodotto/servizio:

  • come se fosse già disponibile.
  • come se fosse in uscita da lì a poco.

Nel primo caso, al momento del pagamento fai apparire un messaggio scusati e dicendo che i prodotti non sono ancora disponibili (ma lo saranno presto) e che hai “utilizzato” quel clic per valutare l’interesse sul prodotto. Per evitare che questa si trasformi in un'esperienza di acquisto negativa prometti ai contatti che manderai loro un codice sconto appena sarà pronto il prodotto/servizio (se così non fosse manderai loro una mail).

Nel secondo caso, attiva dei pre-ordini, senza che ci sia un pagamento immediato, ma solo una prenotazione. In questo modo, se il tuo prodotto effettivamente verrà sviluppato, allora avrai una prima lista di clienti che dovranno riceverlo per primo, dopo aver finalizzato il pagamento. Se invece il tuo prodotto non avrà futuro, potrai ricontattarli per email spiegando che purtroppo l'idea è saltata (sii sincero).

Smoke test: quali vantaggi offre?

É intuibile capire quali siano i vantaggi di un test sul mercato a prodotto ancora non in vendita. Perchè partire a razzo con la produzione o sponsorizzare un servizio investendo una grossa mole di budget se non conosci le potenzialità della tua idea? Meglio partire con un investimento minimo (sul portale e sulle campagne per portarvi traffico), analizzare i dati e decidere il da farsi con la possibilità di organizzare la produzione partendo dalla richiesta. 

Grazie allo smoke test avrai quindi la prova che qualcuno vuole comprare il tuo prodotto e questo è fondamentale se hai degli investitori e/o vuoi partecipare a un bando per ricevere dei finanziamenti. Si parla di traction: se ne hai allora la tua startup sta offrendo un prodotto/servizio che il mercato vuole. Quindi, maggiore è la traction, più sarà facile attrarre investitori e fondi per finanziare la tua startup.

Non dimentichiamo poi che con lo smoke test hai la possibilità di apprendere molte cose sul tuo target e ottimizzare l'investimento futuro. Idealmente se riuscissi a lanciare più smoke test contemporaneamente potresti contare su una mole di dati davvero significativa.

Infine, altro vantaggio importante di questo tipo di test è che puoi già puntare alla fidelizzazione dell’utente che ha dimostrato interesse nella tua idea. Trattandolo in modo onesto, trasparente e sincero, se il tuo prodotto dovesse vedere la luce allora avresti già una platea di clienti VIP.

Smoke test: analytics & tracking.

Dal momento che puoi effettuare uno smoke test con una semplice landing page o in generale con una pagina web, puoi contare su una quantità di dati importanti che devi tracciare dal momento della messa online del sito. Perché il test abbia un senso, infatti, è importante tracciare e monitorare ciò che avviene con particolare attenzione a due aspetti:

  • il traffico generato (per questo inizialmente può bastare Google Analytics).
  • il comportamento degli utenti (quante persone hanno manifestato una concreta volontà di acquisto, che tipo di acquisto è privilegiato ecc..), per questo oltre a Google Analytics puoi usare strumenti più dettagliati come Hotjar.

L’obiettivo è quello di avere un’idea dei tassi di conversione, dell’intento del possibile acquirente e delle opzioni di acquisto preferite. Potresti scoprire qual è il blocco della pagina che attrae maggiormente l'attenzione, quanti si soffermano su un video o una foto o ancora fin dove arrivano gli utenti nel processo di acquisto.

Lascia tu il primo commento al nostro articolo