You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Campagne Google Ads per landing page

Campagne Google Ads per landing page

Come funzionano le campagne Google Ads per landing page?

Sai che potresti aumentare esponenzialmente il traffico alla tua landing su questo canale?

Se stai pensando di creare una landing page e investire in Google Ads per aumentare le conversioni, ecco tutto quello che devi sapere!

Guarda e/o ascolta il nostro Blog Post

 

Le campagne Google Ads per landing page sono l’unico modo per portare traffico velocemente al target giusto.

Quando lanci una landing page, legata al tuo store online oppure indipendente e propedeutica alla vendita, devi portare traffico. Questo non si genera da solo sui motori di ricerca ma richiede un “aiutino”. Google Ads è quello che fa al caso tuo.

🎯Hai detto Landing page Ecommerce? Voglio saperne di più!

Quando realizzi una landing page infatti, che abbia la forma di una Sales o Squeeze Page, devi veicolare il traffico da una fonte precisa. Google Ads è il canale perfetto per veicolare traffico, basta che le campagne siano distinte tra loro, così da tracciarne meglio le performance.

Una campagna Google ha come obiettivo portare clic ad una pagina per cui la landing page si presta particolarmente. Non si disperde traffico perchè la destinazione è univoca, si massimizzano le opportunità di conversione e si può ottimizzare la campagna strada facendo (con gli A/B test).


Esempio: Google Ads per Sales Page.

Facciamo un esempio pratico che possa aiutarti a capire il funzionamento e l'importanza di investire in Google Ads per la tua landing page. Mettiamo il caso che tu abbia creato o fatto realizzare una sales page che presenta un nuovo modello di un prodotto di punta che vuoi spingere in quanto nuovo sul mercato.

Questa pagina di vendita conterrà testi e immagini ottimizzati, ovvero scritti e pensati per essere visti dai motori di ricerca. Parliamo della forma del testo, delle parole chiave inserite, della corretta suddivisione in H1,H2, paragrafi etc e anche dei tag associati alle immagini (come l'Alt). 

Gli sforzi che farai in questa fase, però, non saranno mai sufficienti per posizionare subito la tua pagina tra i primi posti di Google. Ci vorranno mesi perchè la tua pagina sia vista dai motori di ricerca quindi proposta agli utenti a seguito di ricerche che secondo Google possono trovare risposta proprio nella tua pagina.

Ecco perchè questa dovrebbe essere sostenuta da una campagna Google Ads, che può portare traffico alla tua landing in modo mirato puntando al target giusto (coloro che possono essere interessati al nuovo prodotto che vuoi lanciare sul mercato). Nella campagna dovrai usare le keywords, ovvero le parole, legate ai benefici di questo nuovo modello, inserendole nel titolo campagna e nel testo descrittivo.

 

Ottimizzare Google Ads e landing page ecommerce.

Per ottimizzare la resa di una campagna Google Ads per landing page è necessario che le due parlino. Non serve creare una campagna Google che segua fedelmente un'analisi SEO fatta su keywords precise se poi nella landing queste parole non ci sono. Da una parte ti penalizza Google ma dall'altra anche gli utenti, che atterrando sulla pagina, non trovano il contenuto che hai promesso solo nell'annuncio.

Devi quindi prestare attenzione ad ottimizzare al meglio campagna e landing: l’intero contenuto della pagina di atterraggio deve essere coerente con quello dell’annuncio Google Ads, quindi testi, keyword e promesse devo essere in linea tra di loro, senza fuorviare né il visitatore né i motori di ricerca, convincendo entrambi.

In realtà le due cose sono collegate, perchè se la pagina registra un alto tasso di abbandono (gli utenti non trovano quello che hai promesso nella campagna) Google penalizza campagna e pagina.

 

CTA, invito all’azione landing page.

Una landing page non deve essere fine a sè stessa, anzi, l'obiettivo di qualsiasi landing è convertire. Poco importa che questa conversione sia una vendita diretta oppure una richiesta di informazioni: tutto, nella pagina, deve portare l'utente a fare quell'azione specifica per cui realizzi la pagina stessa.

Nel momento dell’ideazione della campagna Google Ads, devi quindi stabilire subito le azioni che desideri l’utente compia una volta approdato sulla pagina di destinazione dell’annuncio. Se il banner invita un utente a scaricare un ebook gratuito, nella pagina di destinazione egli deve poterlo fare subito ma anche in diversi punti della pagina.

Un invito all’azione deve essere lampante per il visitatore: egli dovrà essere guidato verso una sola e precisa azione, che sia essa quella di acquistare un prodotto, iscriversi ad una newsletter o scaricare un documento. Le CTA devono essere evidenti nei colori, E mai banali nei testi. 

Se la tua campagna Google punta su una landing che permette di prenotare un nuovo modello di prodotto con uno sconto per i primi 100 richiedenti, allora dì all'utente: "Fai parte dei primi 100: risparmia ora".

 

A/B test e Google Ads su landing page.

Come faccio a capire se la campagna che ho realizzato è quella giusta per la mia landing page? Ottima domanda, ma la risposta è facile: prova con gli A/B test.

Anche una campagna Google ha bisogno di essere continuamente ottimizzata e per prestazioni soddisfacenti devi anticipare le risposte emotive e sperimentare diverse soluzioni attraverso metodi quali gli A/B test. 

In pratica crei due campagne Google Ads che possono essere:

  • Diverse nel copy e nella CTA ma con lo stesso target,

  • Uguali in copy e CTA ma destinate a target con caratteristiche differenti.

Nel primo caso, se hai certezza che il target sia stato correttamente impostato, puoi verificare a quali pain questo è più sensibile. Nel secondo caso, invece, puoi capire se e quanto il target che hai ipotizzato si discosta da quello reale (e poi magari passare al primo tipo di A/B test).

Solo provando e testando avrai delle certezze in più, che comunque dovrai monitorare periodicamente (rifai l’analisi ogni mese). Gli utenti cambiano ricerche molto di frequente e i volumi di ricerca potrebbero spostarsi altrove.

Lascia tu il primo commento al nostro articolo