header-error

Perché il neuromarketing fa aumentare le vendite del tuo ecommerce... soprattutto a Natale

Neuromarketing

Sai cos'è il Neuromarketing? Perché fa vendere di più? E soprattutto, sai come applicarlo al tuo ecommerce? Questa è una disciplina nata inizialmente in sordina e che via, via si è sviluppata abbracciando il mondo degli affari. Oggi, sempre più professionisti e aziende, la stanno prendendo in considerazione nelle loro strategie commerciali sia online che offline. Pertanto, oltre a vedere cos'è il neuromarketing, in questa guida analizzeremo a cosa serve e quali sono le ragioni che ne promuovono il massiccio utilizzo per aumentare le vendite del tuo ecommerce.

Vendere col Neuromarketing, perché funziona

 

Gli esperti di marketing hanno ormai apertamente dichiarato che per raggiungere i consumatori devono connettersi con i loro sentimenti. Trasmettere valori ed emozioni, è la chiave per ricevere feedback positivi verso il prodotto o il marchio. Tutto questo è noto come marketing emozionale, in cui tecniche come lo storytelling vengono spesso utilizzate per raggiungere il potenziale cliente, toccando la sua fibra più sensibile. Attraverso una storia il marchio diventa il “contorno” e non il protagonista della trama. Proprio da questa tendenza nasce il neuromarketing.

Cosa si intende con Neuromarketing

Col termine neuromarketing si definisce la scienza che indaga e studia come il cervello si comporta in un processo di acquisto. Quindi l'uso dei metodi di ricerca delle neuroscienze per il marketing si chiama neuromarketing. L'obiettivo di questa scienza è studiare come il cervello reagisce a una campagna pubblicitaria per un prodotto, ad esempio, o a qualsiasi stimolo correlato alla pubblicità. 

Ma cosa misura esattamente il neuromarketing? Questa scienza si concentra su tre aspetti chiave: attenzione, emozione e memoria.

Dopo una serie di sviluppi nella ricerca sul neuromarketing, sono state fatte grandi scoperte e progressi che coinvolgono decisioni di subconscio e consumatore, qualità e comportamento di acquisto, scelte di branding. L’obiettivo è catturare l'attenzione dell'utente con un annuncio pubblicitario. Quindi, trasmettere un'emozione durante l'annuncio e infine mostrare il prodotto al momento giusto, in modo da poterlo ricordare una volta terminata la pubblicità.

Inconscio e acquisti: quali sono le leve da sfruttare?

Il neuromarketing utilizza un approccio neurologico per determinare la forza trainante alla base della scelta del consumatore. Ma cosa ci spinge nel nostro cervello a prendere la decisione di acquisto finale, è la ragione o riguarda le emozioni?

Molte volte acquistiamo perché mossi da una ragione o da una necessità: abbiamo bisogno di qualcosa, il prezzo è accettabile e lo prendiamo. Ma, altre volte, non abbiamo bisogno di quel prodotto, possiamo vivere senza di esso, eppure cadiamo in quel potere persuasivo del marchio, proprio “inconsciamente”.

Usando la risonanza magnetica, i ricercatori hanno disegnato il cervello di alcuni individui per rivelare come hanno risposto a particolari annunci o articoli. Tutte queste analisi e l’utilizzo di strumenti scientifici moderni hanno consentito di ottenere risultati misurabili e verificabili (preferibilmente in contesti controllati, come nei laboratori). La raccolta di queste informazioni e l’osservazione delle risposte, hanno consentito di creare le basi per nuove strategie pubblicitarie legate all’Inbound Marketing. Grazie a queste tecniche possiamo sapere, ad esempio, che quasi il 69% delle decisioni di acquisto sono inconsce e che rispondono agli impulsi di base nel nostro cervello. Il Neuromarketing ruota attorno all'idea che le scelte dei consumatori verso certi prodotti o determinati marchi, siano quasi del tutto dettate dall'inconscio. 

La scienza del neuromarketing ha identificato parti importanti del cervello che sono rilevanti per l'elaborazione di prodotti, prezzi, pubblicità e marchi al dettaglio. Tuttavia, è fondamentale interpretare il modello di attivazione neurale con cautela, perché in ambienti diversi, l'attivazione di un’area neurale specifica può avere significati diversi.

Tra i tipi di neuromarketing possiamo menzionare: quello visivo, uditivo o cinestetico. Il visivo assume un’importanza particolare per l’ecommerce Marketing poiché si concentra su come percepiamo tutto davanti ai nostri occhi. Ad esempio, una leva ampiamente utilizzata è quella di rendere ben visibile il prezzo di un prodotto finito a 0,99. Questa tecnica psicologica aiuta il potenziale cliente a vedere il prezzo più basso. Qualcosa che viene prezzata 9.99 euro, non influirà sul consumatore come il prezzo di 10 euro. A volte un centesimo può essere il movente per ottenere più vendite!

Perché il neuromarketing funziona sul tuo e-commerce?

Il neuromarketing ben utilizzato è un ottimo strumento di vendita! Abbiamo già detto che questa disciplina si focalizza sullo studio di alcuni processi mentali di base come attenzione, percezione e memoria. Lo shopping, lo sappiamo già, possiede una grande componente dettata dalla spinta emotiva. Ora, quegli stimoli emotivi in molte occasioni sfuggono alla nostra ragione, cioè a volte prendiamo decisioni d'acquisto inconsce. Dunque, sapendo come raggiungere i nostri clienti per cercare di influenzare le decisioni che prendono più inconsciamente, possiamo vendere i nostri prodotti senza la necessità di fare appello ad altri motivi di acquisto più “logici”. È lì, nel processo decisionale quasi inconscio, che il tuo shop on line dovrà sfruttare e applicare le tecniche di neuromarketing e provare a vendere di più. C'è un'intera serie di cause molto complesse che motivano questi fatti. Ciò fornisce una base neurologica per le vendite esperienziali.

Pertanto, la messa a punto di una strategia di marketing basata sulla conoscenza del funzionamento cervello umano e il comportamento in determinate situazioni, potrà senza dubbio contribuire ad aumentare le vendite del tuo negozio on line. Quindi affinché il tuo ecommerce muova i suoi passi verso il neuromarketing dovrai:

  • ottimizzare l'esperienza di acquisto del cliente (customer experience) visualizzando immagini e prodotti in primo piano

  • stimolare i 5 sensi dei tuoi clienti attraverso la pubblicazione di contenuti e descrizioni dettagliate dei tuoi prodotti sfruttando le opportunità dei social media

  • ottimizzare la portata, la conservazione e l'elaborazione delle informazioni dei tuoi prodotti attraverso varie tecniche di assimilazione nella memoria sensoriale

  • agire sull'esperienza emotiva e sulla memoria

Preso per assunto il fatto che i processi decisionali di un potenziale cliente (prospect) a volte non sono dettati dalla ragione ma vengono principalmente eseguiti inconsciamente, le aziende che applicano il neuromarketing cercano costantemente di promuovere le informazioni sui loro prodotti proprio mirando a quel preciso livello del nostro cervello, l’inconscio.

Come applicare il neuromarketing per vendere di più a Natale?

Il neuromarketing ben utilizzato è un ottimo strumento di vendita soprattutto a Natale! Vediamo quindi come funziona il nostro cervello quando decide di acquistare un prodotto. Affinché un marchio o un prodotto raggiunga i suoi clienti, è ormai chiaro, deve avere rilevanza emotiva. Quale miglior periodo dell’anno è un concentrato di emozioni, sorpresa, affetto, felicità, se non il Natale? Di base l’essere umano ama fare shopping. In termini neurologici, la dopamina intracranica aumenta, siamo più felici, i livelli di cortisone sono ridotti e abbiamo meno stress. Le grandi aziende mirano alle emozioni per farci credere che abbiamo un bisogno insoddisfatto (anche se non è vero) e che hanno la soluzione a un prezzo basso o giusto. Quindi, mentre il consumatore crede di acquistare solo ciò che gli interessa, in realtà, inconsciamente, il cervello lavora ininterrottamente, assorbe tutto ciò che passa attraverso i sensi che genera emozioni e fa emergere sentimenti positivi.

La formula vincente per il tuo ecommerce è dunque “raggiungere le emozioni dei clienti perché siano attratti dal tuo prodotto”.

Ciò significa che in questo momento dell’anno "più emotivo" è più facile connettersi con i sentimenti dei consumatori.

In breve, sempre di più, i consumatori non solo consumano perché la ragione lo impone, ma perché sono mossi dalle emozioni. Le aziende che scommettono sul neuromarketing come strategia per aumentare le loro vendite, convincono il cliente in modo sottile. Una buona SEO, insieme al content marketing mirato che adatta il contenuto a un miglioramento dell'esperienza dell'utente significa migliorare l'esperienza che trasmettiamo come marchio. 

Vuoi fare crescere il tuo business con l'inbound marketing?

Parla con noi