You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Brescia - Contributi alle Micro PMI per smart working e per l'impresa digitale (2004) - anno 2020

Cos’è il Contributo alle Micro PMI per l’Impresa Digitale? 

Nel mondo delle imprese e degli E-Commerce digitalizzare la tua impresa non è più solo uno sfizio o un investimento, bensì una necessità.

Nel mercato di oggi se vuoi un’azienda competitiva digitalizzare è una tappa obbligata. 

Lo hanno compreso bene gli enti pubblici italiani decidendo a tavolino di agevolare gli imprenditori disposti al cambiamento.

Il comune di Brescia attraverso il Contributo alle Micro PMI per l’Impresa Digitale intende mettere a disposizione delle aziende del territorio uno strumento finanziario in grado di garantire copertura e investimenti preposti alla digitalizzazione.

In questo articolo tratteremo nello specifico le opportunità offerte dal contributo e come richiederlo.

 

Come partecipare al Contributo alle Micro PMI per l’Impresa Digitale del comune di Brescia e in che modo le imprese possono sottoporre le loro candidature.

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Brescia tramite il Contributo alle Micro PMI per l’Impresa Digitale promuove la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici. 

 

Obiettivo del Bando e scadenza

Il fondo a favore delle Micro PMI bresciane operanti in tutti i settori economici (commercio, turismo, servizi, artigianato, industria, agricoltura), ha lo scopo di incentivare e promuovere l'utilizzo dello smart working nelle imprese e la diffusione delle tecnologie digitali.

Data Scadenza: 31 Dicembre 2020

Con questo Bando la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Brescia mette a disposizione delle imprese un plafond complessivo di € 2.000.000,00.

 

Quali sono le operazioni di digitalizzazione finanziate

I contributi sono concessi per favorire l’innovazione tecnologica mediante il sostegno finanziario agli investimenti effettuati, acquistati, completamente pagati e installati, nel periodo 1.1.2020 – 31.12.2020. 

Il ventaglio di spese ammissibili è molto ampio e comprende ben 5 aree d’investimento a partire dai servizi di consulenza per la gestione della pratica di richiesta di adesione al Bando fino ai servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal Bando.

Tra cui tecnologie per la sicurezza per la prevenzione di atti criminosi e impianti antintrusione, impianti per la riduzione dei consumi energetici impatto ambientale e rifiuti e poi ancora investimenti in innovazione nell'ambito del progetto PID – Punto Impresa Digitale per l’acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto di digitalizzazione dell'impresa e tanto altro ancora.

Hostinato Web Agency ti offre il supporto migliore per l’elaborazione del tuo preventivo relativo allo sviluppo e applicazione delle tecnologie necessarie incluse nel tuo progetto. 

Le nostre consulenze rientrano tra le voci finanziate dal Bando Innovazione Digitale.

Inizia a vendere online

Quali imprese possono candidarsi

Possono beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole o medie imprese aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale di Brescia e provincia.

Le imprese devono essere attive, in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese e con il pagamento del diritto annuale e devono inoltre:

  • rientrare nei criteri comunitari di definizione di micro e PMI, in vigore al momento della concessione, stabilita nell'Allegato I del Regolamento (CE) n. 651/2014 della Commissione del
    17 giugno 2014; 

  • avere sede legale e/o unità operativa nella provincia di Brescia, siano iscritte al Registro 
delle Imprese ed in regola con la denuncia di inizio dell’attività ed al Rea (Repertorio 
economico amministrativo) dell’ente camerale bresciano; 

  • essere in possesso di qualifica artigiana, ove previsto; 

  • essere in regola con i contributi dovuti agli Enti previdenziali (DURC regolare); 

  • essere in regola, e nell’esatta misura, con il pagamento del diritto annuale camerale, con le modalità 
e secondo le disposizioni normative vigenti.

Per ulteriori approfondimenti sui beneficiari si rimanda alla consultazione del Bando.

Come sottoporre le candidature

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica attraverso il sito web www.registroimprese.it previa registrazione al servizio Sportello Pratiche.

Per semplicità rimandiamo alle istruzioni del manuale scaricabile alla pagina Bandi camerali che riporta graficamente passo, passo tutte le fasi della registrazione fino all’invio della pratica.

contributo dev’essere completa della documentazione fiscale, interamente pagata alla data di invio.

Non saranno ammesse le domande con preventivi di spesa e fatture non quietanzate alla data di invio.

Lascia tu il primo commento al nostro articolo