You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Studio di fattibilità per ecommerce

studio di fattibilità per ecommerce

Devi fare uno studio di fattibilità per ecommerce?

Devi valutare un’idea di prodotto o di servizio da vendere online?

Allora devi fare un’analisi delle sue potenzialità prima del piano di lancio di un e-commerce.

Un' analisi di fattibilità è una simulazione di ciò che accadrà quando il tuo e-commerce sarà all'opera.

Uno studio di fattibilità per ecommerce si basa sullo studio della concorrenza e del mercato, così che tu abbia un quadro completo di chi e cosa dovrai affrontare con i tuoi prodotti.

Ma non solo: lo studio di fattibilità ti permette di sapere quanto ti costerebbe partire con il tuo progetto così da incrociarlo con il tuo budget. 

Con tutte queste informazioni puoi farti un'idea della fattibilità del tuo negozio e-commerce e sapere che qualora questi presupposti saranno soddisfatti il tuo progetto sarà avviabile.

Questo non vuol dire che per come lo hai immaginato all’inizio, in caso di esito negativo, tu debba scartarlo. Se il risultato del tuo studio di fattibilità non è positivo, non scartare subito il tuo progetto: trova i punti deboli e prova a correggerli ed infine valuta soluzioni alternative.


Studio di fattibilità: gli step.

Uno studio di fattibilità per ecommerce prevede 3 step.

1. Analisi della concorrenza.

Prima di tutto è fondamentale capire con chi il tuo prodotto o servizio dovrà competere individuando i principali concorrenti.

Google da solo non basta, mentre strumenti come SEMRush, SEOZoom o Ubersuggest possono offrire dati interessanti. Questi tool però richiedono competenze per interpretare i dati, ecco perchè solitamente uno studio della concorrenza viene fatto da un team di professionisti.

Una volta ottenuta la lista dei tuoi principali concorrenti, devi vedere se i tuoi prodotti sono in linea con ciò che loro offrono, quindi capire quali sono i prodotti presenti sul mercato.

Avuta una panoramica dettagliata dei prodotti concorrenti devi vedere se allo stesso livello di qualità dei tuoi prodotti i tuoi prezzi sono competitivi. Il prezzo è certo un fattore molto importante, ma non è l'unico. Ad esempio, la logistica sta diventando sempre più importante, ecco perchè devi analizzare com’è quella dei tuoi concorrenti. Quindi, a seconda del tuo settore, devi almeno offrire quanto i tuoi concorrenti offrono.

Una volta analizzati questi punti, e se ritieni di essere allineato alla concorrenza in termini di gamma di prodotti, prezzi e logistica, puoi passare alla fase successiva.

2. Analisi delle parole chiave e simulazione.

Una volta deciso che puoi competere con la concorrenza, devi analizzare quali parole chiave usare per attirare traffico verso il tuo e-commerce.

Le informazioni esportate ti danno i dati necessari per sapere quanto ti costerebbe ottenere il traffico per il tuo e-commerce. Trattandosi di un nuovo progetto, devi fare affidamento sul traffico a pagamento poiché all'inizio non ci sarà traffico organico.

Ma non solo: per capire se il costo vale l’investimento, devi sapere quanto, approssimativamente, potrai guadagnare da quel traffico. Per questo dovrai usare una variabile chiamata percentuale di conversione. 

3. Risultati.

Al netto dei dati emersi dalle fasi successive, devi procedere con una simulazione di un risultato mensile basato sul tuo budget. Il risultato atteso sarà il margine totale di tutte le parole chiave, sottraendo tutte le spese strutturali, che sono tutte quelle che non sono incluse nel costo.


Studio di fattibilità di un prodotto/servizio.

Lo studio di fattibilità deve coinvolgere tanto i prodotti quanto i servizi. Ci sono infatti dei criteri identificativi di una tipologia o l’altra di progetto su cui si basa poi lo studio di fattibilità.

I criteri basati sul prodotto riguardano direttamente la fattibilità dell’idea imprenditoriale perchè mettono in luce i punti di forza del tuo prodotto e le potenziali insidie ​​di cui devi essere consapevole. Eccone alcuni:

  • prezzo di vendita.

  • potenziale ricarico.

  • quante SKU da immagazzinare.

  • possibile abbonamento.

  • dimensione e peso del prodotto.

  • livello di resistenza.

  • stagionalità delle vendite.

  • prodotto consumabile o usa e getta.

  • prodotto deperibile.

Nel caso dei servizi bisogna identificare le caratteristiche del progetto nello specifico e definirne i parametri quanto più precisamente possibile.


 

Studio di fattibilità: gli strumenti.

Lo studio di fattibilità viene svolto usando strumenti di analisi economico-finanziaria di supporto alle decisioni. Nel caso di un ecommerce, ci sono diversi tool che offrono una panoramica del mercato di riferimento, attivo appunto online.

Per trovare chi saranno i tuoi principali concorrenti, quali parole chiave usano, ecc. puoi andare direttamente su Google ma l'uso di strumenti per la SEO faciliterà notevolmente il tuo compito. Basta inserire una parola e il tool ne mostrerà tutte le informazioni correlate. 

Ecco alcuni tool:

  • SEMrush.

  • SEOZoom.

  • Ubersuggest.

Per avere informazioni sui ricavi dei tuoi competitor invece puoi sfruttare alcuni portali quali icribis, creditsafe, Istat etc. per recuperare fatturato e stato di salute dei tuoi competitor oppure affidarti ad agenzie professionali.


Infine, l'analisi della concorrenza sui social, finalizzata ad imparare dagli errori degli altri, si fa con strumenti di Social Media Mentoring, tool online che mettono a disposizione dei dati quantitativi importanti per fare delle considerazioni personali che possono rivelarsi decisive in fase di studio dell’analisi della concorrenza.


 

Il giusto investimento per avviare un ecommerce.

Lo studio di fattibilità serve anche per avere un’idea di quanto costa un ecommerce, quanto ti costerà realizzarlo e promuoverlo nel tempo. Infatti, lo studio fattibilità permette di capire se il budget è sufficiente, se i competitors sono molti e come hanno speso e se ci sono sbocchi.

Uno studio di fattibilità ecommerce oltre a darci un'idea dei tempi permette anche di capire come impostare il lavoro, su quali punti focalizzarci e su quali inizialmente possiamo sorvolare, quindi capire quanti e quali saranno gli investimenti richiesti.

Il costo di uno studio di fattibilità varia in base al tempo che serve per farlo: da poche centinaia di euro arriva a diverse migliaia a seconda del progetto. In ogni caso, ci permette di tracciare anche in partenza delle idee strategiche, quindi se decidi di risparmiare inizialmente, potrebbe poi costarti di più sistemare in un secondo momento la strategia una volta online lo store.

Lascia tu il primo commento al nostro articolo